Odontotecnico

Questa figura viene confusa molte volte con il medico dentista. Ma quindi chi è l’odontotecnico?

L’odontotecnico è la persona che progetta e realizza le protesi e impianti dentali. Attraverso calchi in gesso o altri materiali ricostruiscono la dentatura del paziente e in laboratorio creano denti artificiali o intere arcate.

Da tempi antichi che il genere umano ha provato a ricostruire le parti della propria bocca. Infatti alcune civiltà come quella egizia, etrusca e fenicia hanno lasciato reperti che dimostrano come da tempi antichi sia stato importante riportare i nostri denti e la loro funzione allo stato ottimale.

Per raggiungere questa figura professionale è necessario frequentare un corso di laurea della durata di 5 anni, sotto forma di 3 più 2. Dopo aver terminato i primi tre anni il soggetto può lavorare già come odontotecnico ma soltanto sotto forma di dipendente, al termine degli altri due invece potrà diventare un lavoratore autonomo.

La realizzazione di protesi fisse o mobili dunque viene fatta da questa figura, che d’accordo con il proprio dentista decidono quale sia la protesi che fa al caso nostro.

Possiamo trovare differenti tipi di protesi, corone, ponti, ricostruzioni di singoli denti. I materiali sono sempre studiati per garantire un colore uguale al dente o denti che si andranno a sostituire.

In Italia questa professione è stata sotto i riflettori per colpa di alcuni professionisti che volendo uscire dai propri compiti si sono messi a fare lavori riservati soltanto ai dentisti. Infatti per legge nel nostro paese ad un odontotecnico è vietato fare qualunque tipo di manovra all’interno della cavità del paziente. Il loro lavoro deve essere eseguito soltanto in laboratorio con le impronte prese da un dentista o un odontoiatra.

Seppur in Italia non sia ancora stata riconosciuta come profilo professionale sanitario e dunque i corsi di aggiornamento non siano obbligatori, è tuttavia consigliato di frequentarli per garantire ai pazienti le migliori conoscenze posssibile.

contatto